Laboratorio di calligrafia corsiva Cancelleresca con pennino e inchiostro

Cancelleresca sarà la scrittura corsiva protagonista del corso di calligrafia che si terrà domenica 23 aprile 2017, dalle 10 alle 18, a Matelica (MC), presso la Libreria Kindustria, Via Martiri della Libertà, 65B. Prenderemo in mano i pennini tronchi e trascorreremo qualche ora a studiare esecuzione formale e corsiva della Cancelleresca, affascinante scrittura storica patrimonio culturale dell’Umanesimo italiano.

Descrizione del corso

La calligrafia è un’arte che richiede ritmo, armonia, tempo, elementi che ne determinano il grande fascino, attraverso il confronto o il ritorno a strumenti che richiedono una manualità spesso dimenticata, tanta passione e pazienza.
Questo corso vuole essere uno strumento per muovere i primi passi nel mondo della bella scrittura a mano, a partire da un’introduzione storica fino a concentrarsi sullo studio delle forme fondamentali dei caratteri della Cancelleresca, modello di scrittura umanistica cinquecentesco noto anche come Italico, con un po’ di teoria e tanta pratica. Il laboratorio pratico di calligrafia Cancelleresca si propone quindi come un primo approccio all’affascinante mondo della Calligrafia, attraverso un carattere storico leggibile ed elegante come la Cancelleresca, uno dei più affascinanti, eleganti e particolarmente indicato per chi si accosta da principiante a questa disciplina.
Un’occasione per ritrovare il piacere di scrivere a mano, con calma, ritmo e respiro, senza stress e fretta: scrivere a mano è un piacere per tutti, non solo per noi stessi, e aiuta a pensare – e vivere – meglio.

Con pennini trochi e inchiostri calligrafici, strumenti che forniremo noi, studieremo le forme basilari delle lettere di questo alfabeto, lavorando sui movimenti da seguire, sulle costruzioni di lettere e parole e sul ritmo di scrittura.
Questo corso si rivolge a tutti – aspiranti calligrafi o semplici appassionati – e non richiede nessuna conoscenza calligrafica pregressa, né competenze grafiche o calligrafiche/tipografiche particolari. Chi ha già frequentato il corso Scrivere meglio, per applicare l’Italico alla propria grafia quotidiana, sarà molto avvantaggiato, ma il corso è destinato a chiunque voglia orientarsi all’interno del meraviglioso mondo della bella scrittura; in particolare può essere indicato per insegnanti, educatori, tipografi, designer, wedding planner e appassionati di scrittura in genere. Tuttavia sarà un corso intenso, e, va detto, anche un po’ faticoso per chi non è più abituato a tenere la penna in mano :).

Svolgimento del corso

Dopo una breve introduzione storica alla scrittura e una piccola panoramica sulla calligrafia in generale e la scrittura Cancelleresca in particolare, fatte le presentazioni e rotto il ghiaccio, prepareremo l’ambiente di scrittura costruendo il nostro strumento (pennino su cannuccia), impugnando correttamente la penna e assumendo la giusta postura.
Quindi scalderemo la mano e scioglieremo i muscoli con una serie di esercizi propedeutici a far scrivere il pennino (che non è una penna a sfera, richiede un piccolo sforzo in più) e a muoversi con la giusta inclinazione, il giusto ritmo, il migliore respiro. Proseguiremo facendo propria la terminologia di base, arrivando allo studio del ductus delle lettere minuscole, di quelle maiuscole, dei numeri e delle variazione con le caratteristiche peculiari che rendono questo corsivo ancora oggi una delle scritture più apprezzate al mondo.

Affronteremo tematiche generali sulla scrittura e sulla sua natura, con una modalità partecipata in un ambiente familiare, portando i partecipanti – oltre che a scrivere – anche a discutere e a far propri i concetti trattati. Le lettere inizialmente verranno scritte singolarmente in gruppi con elementi grafici condivisi, quindi si formeranno le prime parole, studiando le distanze fra le lettere e poi le frasi con le distanze fra le righe.
Concluderemo la nostra giornata unendo le lettere per formare parole, quindi componendo brevi testi per gestire in scioltezza il giusto ritmo di scrittura, realizzando un piccolo elaborato calligrafico definitivo.

Strumenti e materiali

Utilizzeremo per scrivere in corsivo pennini tronchi e inchiostri calligrafici, matite e falserighe. Carta di diversa grammatura, blocchi Fabriano calligrafici, alfabeti e testi. Recipienti, bicchieri e stracci.
Voi non dovrete portare nulla, esclusi la pazienza e l’entusiasmo; ovviamente, se avete vostri strumenti di scrittura preferiti in linea con il corso e volete utilizzarli siete liberissimi di portarli. In ogni caso forniremo noi tutto il materiale, compresi accessori, dispense e informazioni.

La scrittura Cancelleresca

cancelleresca formaleNata in Italia (Roma? Firenze? Venezia? In tutte e tre le città con stili diversi in anni diversi) all’inizio del Quattrocento, la scrittura Cancelleresca – Italica per il mondo anglosassone – si diffuse nel corso del secolo tra le classi colte italiane. La Cancelleresca Corsiva, resa in un carattere tipografico da Francesco Griffo nel 1500 e formalizzata da Ludovico Vicentino degli Arrighi nel suo manuale del 1522, dopo le radicali modifiche barocche di Giovan Francesco Cresci, fu dimenticata per due secoli, fino al Novecento. Oggi l’Italico è lo stile di calligrafia classica preferito da molti calligrafi in Europa e nel mondo, che lo interpretano in maniere personali ed espressive per i loro lavori artistici e commerciali.

Questa scrittura corsiva dallo stile multiforme, la cui storia si estende su un paio di secoli e comprende sia la calligrafia che la tipografia, è l’origine di tutti i corsivi oggi in uso nei paesi occidentali, ha un forte carattere decorativo ed un’impronta tipicamente rinascimentale, pur mantenendo un’alta leggibilità data la familiarità con la scrittura a mano che tutti noi ancora pratichiamo.
Il tasto i corsivo negli editor visuali sta a richiamare proprio quell’italic che rappresenta la scrittura corsiva per eccellenza, origine di tutte le altre scritture corsive sviluppatesi in Occidente. Un importante contributo del Rinascimento italiano alla civiltà europea.

La calligrafia Cancelleresca è uno stile di scrittura corsiva fluida, costante e regolare, duttile nello stesso tempo, uno dei “ferri del mestiere” basilari per ogni aspirante calligrafo; viene oggi impiegata frequentemente in campo pubblicitario, cinematografico ed editoriale ed apre le porte a molte applicazioni in ambito comunicativo e di immagine.

Costo e sede del corso

Il laboratorio pratico di calligrafia Cancelleresca avrà un costo popolare e in questa cifra sarà tutto compreso. I materiali (pennini, inchiostro, cannucce, carta, penne e matite) e le dispense, che forniremo noi, resteranno in mano a chi si iscrive per continuare ad esercitarsi a laboratorio concluso. Il corso si terrà all’interno della libreria Kindustria, in via Martiri della Libertà 65/B, a Matelica (MC), in un ambiente familiare e affascinante dove vi tratteremo benissimo (qui la mappa di google per raggiungerci).

Cancelleresca e #FuturoInfinito

Nel costo di iscrizione sarà compreso il tesseramento per l’anno in corso all’associazione #FuturoInfinito. #FuturoInfinito nasce come progetto di ricostruzione i cui mattoni sono i libri. Subito dopo il terremoto che ha duramente colpito l’entroterra maceratese il 30 ottobre 2016, è nato questo impegno per ricreare una biblioteca dapprima itinerante, poi stabile, che seguirà la comunità di #Visso nel suo viaggio di ritorno verso il paese.
Perché libri? Perché nei libri ci sono le parole e in questo momento c’è bisogno di parole nuove che vadano a sostituirsi al vocabolario del terremoto e della paura. Parole che aiutino a immaginare e a costruire un visione di futuro. Un futuro infinito. Con i libri vogliamo ricostruire un pezzo piccolo ma importante del patrimonio culturale di Visso.

Quindi, un paio di mesi dopo, vista l’eco ottenuta dal progetto, si è costituita l’associazione Futuro Infinito per operare nelle aree colpite dal sisma del 2016, attraverso lo svolgimento continuato di attività di promozione sociale, per favorire e promuovere lo scambio culturale tra associati, enti o altre associazioni.
Obiettivo dell’associazione è la conservazione, valorizzazione promozione e tutela del territorio e del suo capitale umano, sociale, culturale naturale ed economico, attraverso la realizzazione di progetti di ricerca, formazione, attività didattica, manifestazioni, eventi e conferenze che portino alla creazione di nuove interazioni sociali, egualitarie e sostenibili; gestire o acquisire spazi, propri o di terzi, al fine di organizzare e promuovere servizi e attività culturali, educative e di formazione. Si vuole riportare l’individuo a ricoprire un ruolo attivo all’interno del territorio, operando sia sul ripristino, la conservazione e la valorizzazione della sua dimensione fisica e naturale che su quella sociale, culturale ed economica.

Matelica, la città dove terremo il corso, rientra nel cratere: siamo a una ventina di km dall’epicentro ma la nostra sede è sicura e al piano terra. Intorno a noi, purtroppo, i danni sono visibili. Ci piacerebbe che partecipare al corso di scrittura corsiva Cancelleresca sia anche, per voi, un’occasione di visitare le nostre terre ferite dal sisma ma ancora in piedi e accoglienti come prima. Ci piacerebbe farvi anche conoscere la nostra identità e dimostrarvi la nostra forza di reagire alla paura, con questo corso nelle zone colpite dal terremoto.

Il docente

Lorenzo Paciaroni è un appassionato di calligrafia che si occupa di lettere e lettering, a vario titolo, da dieci anni. Un curriculum di lavori più o meno inerenti la scrittura alle spalle – dal manovale al giornalista, dal catalogatore al pizzaiolo, dall’operatore web marketing all’operatore turistico/culturale – oggi Web Designer di professione, grafico mancato e writer sul finire degli anni Novanta, passa dall’evoluzione della lettera alla sua devoluzione, dal wild style all’alfabeto latino così come i millenni ce l’hanno consegnato nella sua complicata essenzialità.

L’Italico è stato oggetto del suo primo corso di calligrafia, che aveva per docente Luca Barcellona, nel 2009. Studioso di scritture storiche, un amore per il gotico medievale, diffonde le sue esperienze per scrivere meglio in uno “scriptorium 2.0” in rievocazioni storiche e dai siti scritturamedievale.it e bellacalligrafia.it; organizza corsi di calligrafia con un metodo sperimentale, per migliorare la nostra grafia quotidiana attraverso un modello semplificato di Italico, con il progetto Corso di calligrafia Scrivere meglio.

Informazioni

Lorenzo Paciaroni:
www.bellascrittura.eu | info@bellascrittura.eu | 389.9474712 (anche con whatsapp)
Libreria Kindustria
www.facebook.com/Kindustria | 0737.783733
 

* * *

Grazie a tutt*

24 aprile 2017 – Come vanno i dolori alla mano? 🙂
Abbiamo trascorso assieme ore bellissime con pennini, inchiostri e la Cancelleresca.
Un grazie di cuore a voi “alunni”, pazienti, resistenti e sinceramente appassionati alla bella scrittura. Avete prodotto ottimi risultati e, nonostante i fisiologici fastidi alle articolazioni della mano, spero abbiate la costanza di esercitarvi a partire da dopodomani – domani, 25 aprile, spero facciate altro 🙂 – praticando la calligrafia per piacere e voglia di migliorare.
Un ringraziamento collettivo a voce altissima a Francesca e Silvia di Kindustria, che ci hanno accolto e coccolato come solo loro sanno fare, in un’atmosfera bellissima nella loro fantastica libreria.
Grazie ancora e continuate a scrivere, a mano, il più possibile. Vi aspettiamo al prossimo appuntamento con la calligrafia (e la scrittura, la stampa serigrafica e l’illustrazione; vi terremo aggiornat*, voi seguiteci sui nostri canali per non perdere questa iniziativa gratuita che stiamo progettando) con un bicchiere di Verdicchio nella nostra piccola e verde Matelica.
Tornateci a trovare e, nel frattempo, non dimenticate che la calligrafia non è nero su bianco, ma nero e bianco.
A presto e grazie ancora.

Condividi questo contenuto!
Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmail