Con “Crescere insieme” l’occasione di scoprire calligrafia, torchi e tipografia al Museo della Carta

Organizzare eventi negli spazi del Museo della Carta e della Filigrana di Fabriano è un’idea sempre efficace per valorizzare il patrimonio storico ed antropologico che custodisce. Crescere Insieme è un evento dedicato a tutta la famiglia per promuovere una crescita sana e consapevole nel rispetto di noi stessi e dell’ambiente intorno a noi; domenica 18 settembre è stato scelto il Complesso di San Benedetto, a Fabriano (AN), per la seconda edizione di questa bella manifestazione.

Il maestoso complesso monumentale di San Benedetto, nel centro storico della città della carta, ospita anche la più recente tra le sezioni del Museo, quella dedicata alla Civiltà della Scrittura, inaugurata da pochi anni per accompagnare il visitatore in un percorso attraverso le tappe fondamentali dell’evoluzione della stampa, dall’invenzione dei caratteri mobili e della tipografia avvenuta ad opera di Johannes Gutenberg, all’invenzione della litografia avviata da Aloys Senefelder alla fine del 1700, ma che trova ancora largo utilizzo nella stampa moderna.

Fabriano, Museo della Carta e della filigrana

Crescere insieme

Il secondo appuntamento di Crescere insieme, organizzato a Fabriano dall’Associazione Edoné di Claudia Mazzoni e dell’ostetrica Giorgia Tiz, ha messo assieme stand, convegni e laboratori creativi per grandi e piccini, prediligendo la partecipazione di espositori e professionisti locali impegnati nella diffusione del benessere personale e ambientale, con l’obbiettivo di creare nella realtà fabrianese e del territorio una piccola rete di sostegno che possa concorrere alla diffusione del concetto di salute e sviluppo.
Tra i partecipanti belle realtà come Eco and Eco, shop online di prodotti ecologici e biologici per bambini concentrato sulla riscoperta di un modo di vivere più sostenibile e più rispettoso del nostro pianeta, La Valigia delle Meraviglie, associazione di clown, animatori, maghi e truccatori che promuove il sorriso come diritto universale, e Nati per leggere, programma nazionale con attività e volontari anche a Fabriano.

Civiltà della Scrittura al Museo della Carta e della Filigrana di Fabriano

Non c’è niente di più scontato dell’alfabeto. Lo frequentiamo da sempre, sia come scrittori sia come lettori, solitamente senza mai soffermarci su nient’altro che non sia il significato delle parole. […] Le molteplici forme della scrittura sono uno specchio dei costumi e una chiave di lettura della vita sociale di ogni epoca.

Come recita il pannello di apertura dell’esposizione, con la scrittura questa sezione vuole raccontare la storia di una società. Una storia che parte dalle origini dell’alfabeto latino, con l’evoluzione delle lettere maiuscole e minuscole che, inizialmente erano incise su pietra, tavolette cerate o scritte su fogli di papiro, attraverso il gotico e la calligrafia dei monaci amanuensi cui era affidata l’opera di tramandare i testi antichi, fino ai corsivi moderni. Viene inoltre descritto lo sviluppo del design del carattere da stampa, dall’invenzione di quelli mobili di Gutenberg fino al declino della calligrafia del Novecento a causa dell’utilizzo di macchine da scrivere, email e sms.

Allestita nel 2011 all’interno del complesso conventuale di San Benedetto, la Sezione Stampa MCF è un percorso che si sviluppa in quattro sale che accolgono una preziosa raccolta di torchi antichi, pianocilindriche, pedaline e fonditrici restaurati e perfettamente funzionanti. Tra questi anche la prima e più antica Linotype importata in Italia. Inoltre banchi tipografici, torchi Stanhope, Albion e a barre di torsione e torchi litografici. Lungo le pareti del chiostro dell’ex convento di San Benedetto una serie di pannelli illustrativi, per ripercorrere la nascita e l’evoluzione della scrittura.

Condividi questo contenuto!
Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmail