Scrivere meglio in corsivo. Un corso di calligrafia a Scafati, in Campania

Un corso di calligrafia a Scafati, a due passi da Napoli, domenica 19 novembre 2017, presso Soleia Ceramica (via Togliatti, 39, vicino alla fermata Scafati della Circumvesuviana). Passeremo qualche ora assieme a scrivere a mano, per migliorare la nostra grafia quotidiana applicando un modello semplificato di Italico.

Descrizione del corso

Corso calligrafia ScafatiScrivere meglio è possibile. Tutti possiamo migliorare la nostra grafia. Anche se viviamo e lavoriamo in piena era digitale, o forse proprio per questo, sentiamo il bisogno di riappropriarci di quelle forme che per tanto tempo abbiamo sottovalutato o prodotto in modo poco soddisfacente. Vogliamo ritrovare il piacere di scrivere a mano, con calma, ritmo e respiro, senza stress e difficoltà di lettura: scrivere meglio in modo chiaro, naturale, leggibile è un piacere per tutti, non solo per noi stessi, e aiuta a pensare meglio.

Per far ciò, in questo corso di calligrafia a Scafati recupereremo e studieremo un modello di scrittura umanistica cinquecentesco: l’Italico, una scrittura semplice ed elegante. Il filo conduttore di questo corso sarà l’applicazione dello stile di questo corsivo alla nostra scrittura quotidiana. Porteremo il tratteggio veloce delle lettere corsive sul foglio senza mai staccare la penna, privilegiando la velocità della scrittura di tutti i giorni all’esecuzione formale del ductus, ma facendo riferimento al modello di lettere della calligrafia Cancelleresca (conosciuta anche come corsivo Italico), una delle più leggibili, decorative e affascinanti tra le scritture moderne.

Con la matita e la penna, strumenti alla portata di tutti, studieremo le forme basilari delle lettere di questo alfabeto, lavorando sui movimenti da seguire, sulle legature tra le lettere e sul ritmo di scrittura.
Questo corso si rivolge a tutti e non richiede nessuna conoscenza calligrafica pregressa, né competenze grafiche o calligrafiche/tipografiche particolari; è destinato a chiunque voglia orientarsi all’interno del meraviglioso mondo della bella scrittura, o anche solo migliorare la leggibilità della propria grafia. Con l’esercizio ognuno, anche senza abilità calligrafiche alle spalle, saprà produrre una scrittura individuale piacevole e appagante in maniera personale e spontanea.

Svolgimento del corso

Dopo una breve introduzione storica alla scrittura e una piccola panoramica teorica sulla calligrafia, fatte le presentazioni e rotto il ghiaccio, prepareremo l’ambiente di scrittura impugnando correttamente la penna e assumendo la giusta postura.

Quindi scalderemo la mano e scioglieremo i muscoli con una serie di esercizi propedeutici a muoversi sulle righe dell’Italico, con la giusta inclinazione, il giusto ritmo, il migliore respiro. Proseguiremo facendo propria la terminologia di base, arrivando allo studio del ductus e alla comprensione del tratteggio delle lettere minuscole e di quelle maiuscole, con le loro variazioni e le caratteristiche peculiari che rendono l’Italico ancora oggi una delle scritture più apprezzate al mondo.

Strumenti

Utilizzeremo, per studiare l’applicazione del corsivo italico in questo corso di calligrafia a Scafati, matite e penne, gli strumenti di scrittura più confortevoli e comodi soprattutto quando ci si ritrova a scrivere per molte ore. Carta, alfabeti e testi.
Voi non dovrete portare nulla, esclusa la pazienza e l’entusiasmo; forniremo noi tutto il resto.

Corsivo Italico

Stile che si presta alle più disparate applicazioni (da una lettera formale ad un diploma, da una poesia ad un segnaposto), la calligrafia Cancelleresca – nota anche come corsivo Italico – è uno dei “ferri del mestiere” basilari per ogni aspirante calligrafo.

Questa scrittura corsiva dallo stile multiforme, la cui storia si estende su un paio di secoli e comprende sia la calligrafia che la tipografia, è l’origine di tutti i corsivi oggi in uso nei paesi occidentali, ha un forte carattere decorativo ed un’impronta tipicamente rinascimentale, pur mantenendo un’alta leggibilità data la familiarità con la scrittura a mano che tutti noi ancora pratichiamo.

Si tratta di lettere strette, inclinate, tutte caratteristiche di una scrittura spedita e veloce. È anche uno degli stili più attuali e moderni, che si presta a numerose interpretazioni e variazioni di forma e anche ad essere scritto con ogni tipo di strumento. Quindi una scrittura su cui c’è sempre da imparare e che da sola potrebbe soddisfare la maggior parte degli utilizzi odierni della calligrafia.
Oggi l’Italico è lo stile di calligrafia classica preferito da diversi calligrafi, sia in Europa che nel resto del mondo, che lo interpretano in maniere personali ed espressive per i loro lavori artistici e commerciali.

Corso calligrafia Scafati

Il docente

Lorenzo Paciaroni è un appassionato di calligrafia che si occupa di lettere e lettering, a vario titolo, da dieci anni. Web Designer di professione, grafico mancato e writer sul finire degli anni Novanta, passa dall’evoluzione della lettera alla sua devoluzione, dal wild style all’alfabeto latino così come i millenni ce l’hanno consegnato nella sua complicata essenzialità.

L’Italico è stato oggetto del suo primo corso di calligrafia, che aveva per docente Luca Barcellona, nel 2009. Ha frequentato, poi, corsi di calligrafia con Michael Sull e Barbara Calzolari. Come docente, trasmette le sue esperienze calligrafiche e la passione per la scrittura dal 2016. Studioso di scritture storiche, un amore per il gotico medievale, diffonde le sue esperienze in uno “scriptorium 2.0” in rievocazioni storiche e dai siti scritturamedievale.it e bellacalligrafia.it

* * *

Amore mediterraneo per la scrittura

All’ombra del Vesuvio, in una città – Scafati – che conoscevo solo per averla incontrata nelle rime di Neffa negli anni Novanta, ho ricevuto un’accoglienza travolgente in questo laboratorio di scrittura corsiva da gente che mi ha fatto sentire a casa nonostante fossi così lontano. Abbiamo affrontato le linee inclinate e le curve della Cancelleresca coccolati da Angela di Soleia Ceramica, con la promessa di rivederci in primavera con questo simpaticissimo gruppo per giocare un po’ con i pennini tronchi.
Il consiglio lasciato ai miei “alunni”, non sentitevi mai i primi né gli ultimi, vale anche per me e non solo nella calligrafia. Affronto da sempre la scrittura con grande umiltà, essendo io come ogni appassionato di calligrafia solo un servitore delle lettere, ma so che dallo studio, se serio e rigoroso, prima o poi qualcosa di buono esce. Nell’attesa, è sempre bello trasmettere la propria vita e un’esperienza attraverso un segno che si fa lettera.

Condividi questo contenuto!
Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmail