Sostengo Greenpeace da anni. Greenpeace come Oxfam, Free Software Foundation, Palestinian BDS Movement e altre organizzazioni non governative che combattono per un mondo migliore e più giustizia e uguaglianza tra gli uomini. Lo faccio concretamente, nel mio piccolo, con la mia piccola goccia nell’oceano, che volgarmente parlando significa supporto economico. Senza soldi non si fa la rivoluzione, purtroppo.

Non riesco a non scrivere cose sul calendario, inoltre, per questo ho bisogno di calendari spaziosi. Da qualche anno Greenpeace pubblica un meraviglioso calendario che dal 2017 colleziono. Uno dei pochi con una bella carta, ovviamente reciclata, sulla quale ho spazio e piacere a scrivere a mano tutto quello che tutti scriviamo sui calendari.
Ogni mese, oltre a focalizzare l’attenzione su una specie o un luogo a rischio, in questo calendario si ripercorrono le tappe fondamentali della vita e della lotta della Onlus verde che dà voce a chi non ne ha, come il pianeta.

Un anno di azioni con Greenpeace

Per iniziare il decennio col piede giusto, Greenpeace ci ricorda anche quali obiettivi sono stati raggiunti nel 2019, o perlomeno per cosa non ha smesso di combattere. Dallo schierarsi con i popoli indigeni al contrasto ai maxi allevamenti, dal no a gas e carbone alla difesa degli oceani. “Non sempre è stato facile, ma mai ci siamo sentiti vinti o arresi”. Direi che è bastata questa dichiarazione di Greenpeace a meritare un altro anno di supporto, sempre nel mio piccolo. Ma spero che a leggermi, ogni tanto, capiti anche qualcuno dalle tasche più grosse delle mie.

Copyleft (L) Bella Scrittura 2020.
All rights reversed; by-nc-nd 3.0. Condividi con consapevolezza.